Il mio spazio nel mondo

PROGETTO PEDAGOGICO CLINICO
II mio spazio nel mondo”
Lodevole è stata l’iniziativa del Dirigente Scolastico Prof.ssa Campione Mariagrazia, dell’istituto Comprensivo “A. Mariano-E. Fermi” di Andria, nonché del Collegio dei docenti, per aver accolto il progetto pedagogico clinico “Il mio spazio nel mondo”: un esempio di progettualità atto a consentire ai bambini nuove opportunità di relazionarsi con lo spazio e il tempo, di vivere la corporeità per rendere il corpo dialogante e disponibile allo scambio, favorire uno sviluppo motorio armonioso.
Il progetto ha coinvolto un gruppo di 15 bambini delle classi seconde della scuola primaria, con la finalità di potenziare ogni stile di pensiero anche quello geometrico, partendo dall’esperienza diretta dei bambini che privilegia l’azione, il movimento, ed ogni loro espressione; nonchè favorire la socializzazione e l’integrazione stimolando e incentivando la spontaneità e la creatività degli stessi.
Oggetti “intermediari” sono stati la musica , il ritmo, il suono utilizzati in tutte le loro sfumature, occasioni per favorire lo sviluppo del bambino in ogni aspetto intellettivo, espressivo-comunicativo, emotivo-affettivo, psicomotorio, relazionale e come aiuto per superare le difficoltà emozionali e assumere consapevolezza di sé.
Il progetto si è avvalso di metodi e tecniche pedagogico cliniche di marchio ISFAR, volte al miglioramento della persona.
Qualsiasi apprendimento deve passare “dal proprio corpo” e la strutturazione dello schema corporeo è fondamentale per qualsiasi conoscenza ed esperienza.
Pertanto tale progetto ha favorito e potenziato nei bambini ogni aspetto caratterizzante la crescita e le funzioni necessarie alle abilità apprenditive tra cui le abilità motorie, percettive, l’attenzione, la memoria, ed in particolare le conoscenze

relative alla rappresentazione dello spazio, le abilità visuo-spaziali, l’organizzazione spazio-temporale, veicoli indispensabili a stimolare piacevolmente l’apprendimento dei primi rudimenti della geometria e delle forme geometriche.
Le esperienze, di un’ora e trenta minuti ad incontro, per due volte a settimana, sono state svolte nelle palestre dei plessi dell’istituto Comprensivo accogliente al fine di agevolare la partecipazione di tutti anche da un punto di vista di “comodità” logistica.
Le esperienze formative sono state proposte in situazioni di apprendimento in armonia ludica e realizzate attraverso forme espressive plurime, corporee e di attività pratiche. Esse hanno suscitato nei bambini un atteggiamento attivo e partecipato, permettendo a ciascuno di esprimere la propria interiorità e un senso di maggiore appartenenza alla vita di relazione, oltreché lo sviluppo di una maggiore consapevolezza nelle proprie possibilità.
Al termine di ogni incontro è stata offerta la possibilità ai gruppo di esprimere liberamente le proprie riflessioni in merito a quanto vissuto, offrendo l’opportunità di raccontarsi, esprimersi in un’atmosfera piacevole improntata sul dialogo libero che rende possibile espandere, sviluppare, affinare ed elaborare tutte le abilità della Persona perché possa imparare, risolvere, decidere e creare, prendendo coscienza dei proprio corpo, delle proprie emozioni e sensazioni e del proprio autentico linguaggio espressivo.

Precedente Sulla buona strada Successivo NOI…contro bullismo e cyberbullismo

Un commento su “Il mio spazio nel mondo

  1. marianofermiblog il said:

    Questo blog sta diventando un bel contenitore di notizie ed emozioni! E vaiiiiii!

I commenti sono chiusi.